Scozia e Orcadi

Scozia e Orcadi
1° giorno: Glasgow
Arrivo individuale a Glasgow, una delle più importanti mete culturali d’Europa e ricca di musei e gallerie d’arte. Pernottamento a Glasgow o dintorni.  

2° giorno: Glasgow/Fort William (280 km)
Prima colazione. Partenza costeggiando il Loch Lomond, il lago reso celebre dal poeta scozzese Robert Burns, per Inveraray, grazioso villaggio di case bianche dove sorge il Castello da sempre residenza ufficiale dei Campbell, duchi di Argyll. Proseguimento per il porticciolo di Oban e, a seguire, per Fort William, uno dei centri turistici principali della Great Glen. Pernottamento nell’area.

3° giorno: Fort William/Isola di Skye/Inverness (325 km)
Prima colazione in albergo. Si consiglia la partenza per la romantica isola di Skye che può essere raggiunta in traghetto da Mallaig per Armadale, nel sud dell’isola: abitata da una popolazione prevalentemente di origine celtica, l’isola offre magici paesaggi di scogliere e spiagge sabbiose, montagne e paludi, foreste e pascoli sabbiosi. Proseguimento per Inverness attraverso il ponte a pedaggio di Kyle of Lochalsh. Lungo il tragitto, potete sostare al Castello di Eilean Donan, fortezza del 1230 che fu utilizzata come scenario del film Highlander. Arrivo a Inverness, capitale delle Highlands. Pernottamento nell’area.

4° giorno: Inverness /Loch Ness/ Thurso (240 km)
Prima colazione in albergo. Prima di proseguire verso nord deviate per Drumnadrochit, sulle sponde settentrionali del Loch Ness, il più grande lago di Scozia reso famoso dalla leggenda del mostro Nessie. Sostate per una visita alle rovine del castello di Urquhart che sorge sulle sue rive Continuando verso nord-est si incontra poi Strathpeffer, località termale vittoriana che ha mantenuto intatto il fascino della sua epoca. A Wick si suggerisce una sosta per la visita della Pulteney Distillery, la più settentrionale tra le distillerie di whisky e che dal 1826 continua a produrre whisky di malto seguendo i metodi tradizionali. Arrivo a Thurso, cittadina all’estremo nord dall’atmosfera vichinga. Pernottamento nell’area.

5° giorno: Isole Orcadi
Prima colazione in albergo. L’intera giornata è dedicata alla visita delle Isole Orcadi, un gruppo di 67 isole, di cui solo 20 abitate. In battello da John O’Groat o Scrabster si raggiunge l’isola più grande, Mainland. Visitate Stromness che, con le strade di pietra ed i vicoli tortuosi, ricorda un villaggio vichingo. Non lontano c’è il cerchio di Brodgar, gruppo di pietre neolitiche disposte in forma circolare su un’ampia distesa. Da non perdere Skara Brae, il villaggio neolitico riemerso nel 1850 dopo una violenta tempesta che scoperchiò le dune sabbiose della baia, e Kirkwall, il capoluogo di Mainland, caratterizzato dal grazioso centro storico con l’imponente cattedrale di St. Magnus in arenaria rossa e gialla, un vivace porto e stradine pedonali lastricate. Infine la baia di Scapa Flow, teatro di tragici episodi di guerra. Rientro per il pernottamento.

6° giorno: Thurso/Inverness/Elgin (200 km)
Prima colazione in albergo. Costeggiando il litorale est, dove silenzio e solitudine rendono l’atmosfera quasi mistica, si raggiunge Golspie, piccolo villaggio sul mare, dove merita una visita il castello di Dunrobin, costruzione fiabesca risalente al 1275 e tuttora residenza dei duchi di Sutherland. Nel suo giardino, a terrazze sul mare, si può assistere, salvo imprevisti, all’esibizione di volo di rapaci. Superata Inverness e proseguendo lungo la costa per Nairn si incontra invece il Castello di Cawdor, superba costruzione che suggerì a Shakespeare l’ambientazione dell’uccisione di Duncan, nel suo Macbeth. Pernottamento nell’area.

7° giorno: Elgin/Aberdeen (197 km)
Prima colazione in albergo e partenza verso Elgin che conserva i resti di quella che era considerata la più bella cattedrale di tutta la Scozia. Proseguimento quindi per Aberdeen lungo la Valle dello Spey dove si dirama quello che viene chiamato il ‘Malt Whisky Trail’ disseminato di numerose distillerie: sostate a Dufftown, la capitale scozzese del whisky, dove si trova la Glenfiddich, marca tra le più famose, oppure a Keith dove primeggia la Strahthisla, attiva dal 1786, con i caratteristici tetti a pagoda. Pernottamento ad Aberdeen o dintorni.

8° giorno: Aberdeen/ Edimburgo (245/210 km)
Prima colazione in albergo. Partenza verso sud. Potete scegliere di passare per Braemar lungo lo spettacolare scenario del fiume Dee, dove si trovano i più famosi castelli scozzesi, e arrivare a Perth per una visita dello Scone Palace, imponente edificio dove – secoli fa – era stata sistemata la ‘pietra dell’incoronazione’ oppure continuare lungo la costa per Stonehaven e sostare al Castello di Dunnottar, uno dei posti più spettacolari di tutta la Scozia prima di proseguire per St. Andrews, località mecca dei golfisti, che conserva le rovine di una maestosa Cattedrale e un Castello. Arrivo a Edimburgo, capitale della Scozia, e città molto antica e tra le più affascinanti d’ Europa, dove potrete passeggiare per il Royal Mile e la Old Town, la città medioevale intorno al Castello. Pernottamento ad Edimburgo o dintorni.

9° giorno: Edimburgo
Prima colazione in albergo. Fine dei servizi.

N.B. possibilità di estendere il soggiorno a Edimburgo: quotazioni su richiesta.
Quote individuali solo tour
  doppia/tripla singola bambino 3°letto
BED & BREAKFAST
01/04-30/04
01/05-31/07; 01/09-31/10
01/08-31/08
01/11-31/12
 620
660
730
590
875
915
1.010
840
420
495
550
380
ALBERGHI 3*
01/04-30/04
01/05-30/06; 01/10-31/10
01/07-31/07; 01/09-30/09
01/08-31/08
01/11-31/12
590
760
830
950
470
1.030
1.305
1.375
1.490
915
295
380
420
475
235

Note: camera tripla adulti soggetta a riconferma.
Quote su richiesta.

Bambini 3/12 anni; 0/3 anni: gratuiti.
Traghetto Orcadi: quotazioni su richiesta.

Per Natale/Capodanno e dal 01/01/2018:
quote su richiesta.

Le quote comprendono: • 8 notti in camere con servizi privati nella tipologia di sistemazione prescelta • trattamento di pernottamento e prima colazione tradizionale • spese per la prenotazione dell’itinerario • tasse locali.